Recensioni

 

Carla Piazza é pittrice del mitologico, miti e simboli compongono interattivamente un immaginario che affonda nell'ancestro figurativo eppure non ancora esausto nel riproporsi anche ai nostri giorni sotto nuove spoglie con implicanze sempre rinnovate.

Il mitologico ed il simbolico non passano alla storia, non divengono antichi, ma si rinnovano coi tempi, vivono e convivono anche nell'arte moderna e contemporanea, gli ultimi ad esplorarne i territori sono stati i pittori metafisici con i surrealisti: le loro istanze sono ancora attive, operanti nell'ambito delle ricerche soprattutto quelle non “allineate” - di molti artisti contemporanei. Dunque, non si pretende di meno che quest'artista mostri un'evidente cultura, indispensabile per servirsi di simili motivi e temi.  Allo stesso modo sarebbe superficiale un tentativo di produrre un'analisi della sua espressione pittorica senza ricorrere all'appropriata lettura iconologica delle immagini: difatti ogni elemento figurale che compone i suoi dipinti è condizionato ad una precisa simbologia la cui definizione e però determinata da modalità di resa illustrativa che trovo assai personale.  Questi quadri sono strutturalmente concepiti, pare, per accumulo di significati dettagli, secondo concezioni totemiche. Certe assonanze formali hanno indotto a commentarli incautamente quali esempi del tardo postsurrealismo, ma dovrebbe scansare questo equivoco, la riflessione che dove mancano i requisiti della "automatismo psitico" precisati da Andrè Breton non può esservi il surreale. Quanto vale per una giusta intesa dell'opera di Carla Piazza è la conferma che essa, con grandissima evidenza, attribuisce alle proprie fantasie un meditato significato simbolico ed argomenta ogni immagine ispirandosi alla mitologia considerando un tema fondante che brillantemente è stato proposto leggersi Modranicht, Notte delle Madri, da Rossella Farina ……

Renzo Margonari

 

Carla Piazza ha una scrittura di sogni, di visioni. Indaga acutamente il mondo delle relazioni misteriose delle cose, sorveglia segreti dell anima, esplora le contraddizioni delle forme consuetitudinarie dei pensieri e dei sentimenti ……

M. Ghilardi

 

Inquieta, simbolista, curiosa di avventure spirituali, forte e decisa nella composizione e nei colori  La sua plasticità. A volte iper realistica ed emblematica, sconfina a tratti in suggestioni espressionistiche caratterizzate da un geometrismo incisivo e aggressivo..

E. Concarotti

 

Ne nascono opere di forte suggestione pittorica assai elaborate ……La  facilità dell'artista nell'impostare le stesure più complesse la induce a lasciarsi trasportare nel suo ragionamento fino all'assurdo.

E. Sperzagni

 

...Affronta con decisione la realtà più interna del discorso figurativo. Con un gesto aspro e penetrante esplora le possibilità di trasformazione della figura fino a individuare le più ardite risorse immaginative……..

G. Cavazzini